“lo sviluppo della ricchezza porta con sé, quasi per fatale e inspiegabile contrappasso lo sviluppo della miseria, così che, nella stessa misura in cui la ricchezza si produce in un paese, state certi che, senza alcun dubbio, in proporzione eguale si produrrà la miseria (…).” DI IMPRESSIONANTE ATTUALITA’

vaticanoterzo

Jean-Baptiste Hénry Lacordaire

250px-Portrait_of_Dominique_Lacordaire

(1802-1861), Discorso del 1847 alla Conferenza di S. Vincenzo de’ Paoli

Una splendida pagina di Lacordaire. Nemmeno troppo distante da quel che oggi si potrebbe dire sull’argomento.

“”Beato l’uomo che ha intelligenza del debole e del povero” (Sal 41, 2). Nel brano che ho scelto la Scrittura non dice: beato chi ha cura del povero, ma, più profondamente, beato chi ha intelligenza del povero. Ciò presuppone che la povertà sia, in qualche modo, un mistero, del quale esista una scienza che il mondo non conosce perfettamente, perché, se la conoscesse, il salmista non chiamerebbe “beato” l’uomo che ha intelligenza del povero. C’è una conoscenza della povertà che soltanto possiede solo la Chiesa, cui Dio ha mostrato tutti i suoi segreti (…). Esiste poi un livello seguente alla povertà, che è la miseria.

View original post 674 altre parole

Annunci