Questa sequenza tratta dal film L’uomo venuto dal Kremlino – Nei panni di Pietro del 1968 riporta fedelmente il passaggio di uno scritto di Teilhard de Chardin del 1934 intitolato Comment Je crois (Come io credo). L’esatto passo era : « Si par suite de quelque renversement intérieur, je venais à perdre successivement ma foi au Christ, ma foi en un Dieu personnel, ma foi en l’Esprit, il me semble que je continuerais à croire au Monde. Le Monde (la valeur, l’infaillibilité et la bonté du Monde), telle est, en dernière analyse, la premìère et la seule chose à laquelle je crois. C’est par cette foi que je vis, et c’est à cette foi, je le sens, que, au moment de mourir, par-dessus tous les doutes, je m’abandonnerai… A’ la foi confuse en un monde Un et Infaillible je m’abbandone, où qu’elle me conduise» (Se, a seguito di un qualche capovolgimento interiore, io dovessi perdere successivamente la fede in Cristo, la fede in un Dio personale, la fede nello Spirito, a me sembra che io continuerei invincibilmente, a credere nel Mondo. Il Mondo (il valore, l’nfallibilità e la bontà del Mondo), ecco in ultima analisi, la prima, l’ultima e l’unica cosa in cui io creda. E’ di questa fede che vivo. Ed è a questa fede che, io lo sento, all’ora della morte, oltre tutti i dubbi, io m’abbandonerò.)  

Questo scritto fu aspramente criticato su L’Osservatore Romano del 30 Giugno 1962 dal redattore anonimo, e furono queste parole ad essere comentate con la frase «Sono parole del 1934, ma quanto sarebbe stato meglio che non fossero mai state scritte!».

Il film seppur con attori famosi come Anthony Quinn, Laurence Olivier, Oskar Werner (che interpreta Teilhard, qui chiamato Telemond), David Janssen, Vittorio De Sica ed altri ancora, non ebbe grande successo, fu considerato di fantapolitica, anche per la figura nuova per quei tempi di un Papa (Anthony Quinn) eletto fra cardinali non italiani o meglio dell’est europa (cosa che avverrà per la prima volta solo dieci anni dopo il film con l’elezione di Karol Wojtyla ).

Ritengo che questo video  possa essere un giusto complemento al mio post precedente ( https://ottaviopongoli.wordpress.com/2012/02/04/1962-2012-cinquantenario-del-monitum/).

Annunci